ore
PRIMA PAGINA / ATTUALITA' / Il Ponte di Maiano sul fiume Garigliano e la rinascita di un territorio

Il Ponte di Maiano sul fiume Garigliano e la rinascita di un territorio

di Domenico Letizia

Il Comune di Castelforte torna a far comprendere l’importanza della sinergia territoriale per la rinascita dell’economia locale. A seguito di ordinanze emesse rispettivamente dalle Province di Latina e Caserta ha riaperto l’importantissimo ponte di Maiano sul fiume Garigliano. Al momento il transito è temporaneamente disposto a senso unico alternato, disciplinato da semafori.

Il Vicesindaco Michela Terillo e il Sindaco di Sessa Aurunca Lorenzo Di Iorio sono stati presenti insieme al momento della riapertura del ponte di Maiano sul fiume Garigliano. Con loro era presente anche un folto gruppo di amministratori, cittadini e i dipendenti della Provincia di Latina. Presente anche il Comandante della Stazione Carabinieri Mar. Di Fusco e il Comandante della Polizia Municipale dott.ssa La Starza. Già dai primi minuti della riapertura sono state molte sono le auto che lo hanno attraversato. Ricordiamo che la riapertura è temporanea e a senso unico alternato regolato da semafori.

Concreta la soddisfazione del sindaco di Castelforte, Angelo Felice Pompeo: “Sono davvero felice di comunicare che da oggi il ponte di Maiano è stato riaperto alla circolazione. Lo avevamo sperato con forza e abbiamo agito con determinazione per chiedere che venissero fatti tutti i necessari controlli e le opportune verifiche del caso. Ricordo che, insieme al Sindaco di Sessa Aurunca Lorenzo Di Iorio, abbiamo richiesto che si procedesse in merito e, siamo ora contenti, di questo primo importantissimo risultato raggiunto. Ora, però, è il momento di assaporare la gioia di questo evento. Ci sarà tempo e modo per approfondire tutti gli altri aspetti connessi con questa situazione. È certo, infine, che proseguiremo il nostro impegno per sollecitare l’avvio dell’esecuzione di tutte opere previste nel più breve tempo possibile”.

All’evento di riapertura ha partecipato anche una delegazione dell’UCID Gaeta – Sud Pontino, da sempre impegnata nel territorio per la ricrescita dell’economia locale e per il superamento dei problemi logistici e di trasporto per le imprese e le attività commerciali della comunità. Il presidente della sezione UCID Gaeta e Sud Pontino, Paolo Di Cecca, Dario Costanzo, Referente gruppo Giovani dell’UCID e l’intero gruppo dell’UCID Gaeta e Sud Pontino hanno espresso soddisfazione per le nuove opportunità che il territorio di Castelforte torna a riscoprire con la riapertura di un collegamento importante per l’intera comunità.

La riapertura del ponte rappresenta una vittoria della comunità da sempre legata in una forte commistione sociale tra due comunità, che hanno costituito intrecci familiari, lavorativi e commerciali tra le due sponde del Garigliano e con la chiusura, per continuare a intrattenere i normali rapporti, i cittadini delle due sponde erano costretti a lunghi giri automobilistici per raggiungere il centro di Castelforte o la vicina Maiano, nella frazione del comune di Sessa Aurunca. Prima della riapertura risultava possibile utilizzare solamente il ponte sulla diga di Suio, già ridotta carreggiata da oltre un decennio e quindi con traffico vietato per i mezzi furgonati e per il trasporto pubblico, oppure il ponte alla foce del Garigliano nel Comune di Minturno.

Una storia di successo che proviene da una piccola comunità al confine tra Lazio e Campania ma che può rappresentare una buona pratica per la rinascita dei territori periferici.

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARE